BLOG

Food strategy e Pianificazione strategica metropolitana di Roma: l’8 aprile l’evento di presentazione

6 Apr 2021

Le politiche del cibo al centro del Piano Strategico metropolitano di Roma Capitale.

Il prossimo 8 aprile, dalle 14.30 alle 17.30, si terrà, in videoconferenza, l’evento di presentazione del processo di pianificazione strategica avviato dalla Città metropolitana di Roma Capitale; anche il CURSA sarà presente con il Prof. Davide Marino, responsabile dell’accordo di collaborazione siglato dal Consorzio con la Città Metropolitana di Roma Capitale per la “Costruzione del Piano del Cibo”.

Durante l’incontro di natura tecnica, difatti, saranno illustrati i progetti di ricerca posti in essere a supporto dell’elaborazione del Piano Strategico metropolitano e della Agenda metropolitana per lo Sviluppo Sostenibile:

  • Sapienza – Università di Roma_ DICEA: Studi avanzati per la redazione e implementazione della pianificazione strategica metropolitana e aggiornamento del quadro conoscitivo e analitico del PTPG per l’attuazione delle disposizioni programmatiche
  • CURSA (Consorzio Universitario per la Ricerca Socioeconomica e per l’Ambiente): Costruzione del Piano del Cibo della Città metropolitana di Roma Capitale
  • Università degli Studi del Molise: Contabilità ambientale dei servizi ecosistemici della Città metropolitana di Roma Capitale. Pianificazione e governance
  • Avanzi: Geografia dell’Innovazione sociale nella Città metropolitana di Roma Capitale
  • CNR-IIA: Studio specialistico per lo sviluppo di un Piano atto alla definizione di un Sistema di Gestione del Patrimonio delle strade di Città Metropolitana di Roma Capitale
  • Gartner: Piano Strategico IT
  • CMRC: Piattaforma di co-progettazione
  • Università degli Studi di Firenze_DIDA: Verso una visione di Città metropolitana di Roma Capitale prima durante e dopo la pandemia. Il piano strategico della CMRC come contributo alla costruzione di un’agenda di governance metropolitana

Fine dell’iniziativa sarà quello di aprire un confronto tecnico fra i diversi responsabili delle attività e definire possibili modalità collaborative, verificare coerenze e allineamenti tra le diverse attività e il processo di coinvolgimento degli stakeholder.