MAB MONVISO: diploma UNESCO alla prima riserva transfrontaliera italiana


diploma UNESCO MAB MonvisoL' 11 dicembre 2013, nella prima giornata della Conferenza Nazionale sulla Biodiversità, il Parco del Po cuneese ha ricevuto dall’agenzia delle Nazioni Unite l'attestato di iscrizione ufficiale alla lista mondiale delle riserve della Biosfera MAB (Man and Biosphere) dell’UNESCO.

L’ambito diploma riassume il concetto del Progetto MaB: l’Area del Monviso è inserita nella Rete Mondiale delle Riserve della Biosfera. I principali ecosistemi e paesaggi mondiali sono presenti nel Network, che è dedicato alla conservazione della diversità biologica, alla promozione della ricerca e al monitoraggio, nonché al cercare di fornire modelli di sviluppo sostenibile al servizio del genere umano. La partecipazione al Network mondiale facilita la cooperazione e gli scambi a livello regionale e internazionale”.

Si deve al CURSA - su incarico del Parco - l'elaborazione del dossier della prima candidatura italiana di carattere transfrontaliero, che connette la Riserva italiana Monviso con la "gemella" francese Mont Viso del Parco del Queyras.

IL MAB MONVISO

L’Area della Biosfera del Monviso comprende 88 Comuni, per la maggior parte di piccole e medie dimensioni: 73 su 87 hanno una popolazione inferiore ai 5.000 abitanti. È un territorio che si estende su circa 284.500 ettari, e che va dai due versanti del Monviso, il Colle dell’Agnello e il Colle delle Traversette e raggiunge le colline del Roero attraversando i territori della Valle Maira, Valle Varaita, Valle Po, Bronda e Infernotto e l’area del Saluzzese, di Racconigi e di Savigliano (il Nord-Ovest della provincia di Cuneo), e una porzione della Provincia di Torino con i Comuni di confine di Villafranca Piemonte, Pancalieri, Cavour e Bobbio Pellice.


 

 

Biodiversità Clima ed energia Sviluppo sostenibile Pianificazione Agricoltura Gestione integrata