Evento Internazionale LIFE+ Making Good Natura - EXPO Milano, 12/06/15


2 miliardi di euro la stima del valore prodotto dagli ecosistemi in un’area al centro del primo  progetto LIFE europeo che ha quantificato in Italia i servizi ecosistemici, illustrato il 12 giugno 2015 a EXPO 2015

E’ di  oltre 2 miliardi di euro (circa 15.000 euro a ettaro per anno ovvero 3000 euro  ad abitante) il beneficio economico stimato prodotto dai servizi ecosistemici nel solo comprensorio di 135 mila ettari di natura protetta presa in esame dal progetto LIFE+ MGN - Making Good Natura.
Questo quanto illustrato il 12 giugno a  Palazzo Italia - EXPO 2015 - nel convegno internazionale del progetto: ''Dare Valore alla Natura - I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta''.

DAVIDE MARINO, coordinatore scientifico per l’ente capofila CURSA:

Dalla conservazione degli ecosistemi ed habitat, obiettivo diretto della Rete Natura 2000, si traggono una serie di benefici e servizi diversificati. Questo è il contesto in cui prende forma il progetto, con l’obiettivo finale di fornire idee e strumenti innovativi per una migliore governance dei Siti Natura 2000.

Tra questi, negli ultimi anni hanno trovato spazio i meccanismi di incentivazione economica basati sui PES (Payment for Ecosystem Services), mediante i quali l’utente (o il beneficiario) di un servizio ecosistemico effettua il pagamento diretto per la fornitura di un servizio. I meccanismi di finanziamento negli anni sono notevolmente aumentati ed oggi sono più di 300 i programmi in atto a livello globale, nazionale e locale.

Passaggio fondamentale, in una società complessa e con diritti di proprietà diffusi articolati come in Italia, è il coinvolgimento degli stakeholder. L’introduzione dei PES consentirebbe ad esempio alle imprese agro-forestali presenti nelle aree agricole ad elevato valore ecologico caratterizzate da una scarsa produttività, di incrementare la propria fonte di reddito. Conseguentemente, attraverso tale incentivo, gli agricoltori sarebbero incoraggiati a mantenere e migliorare le pratiche agricole contribuendo ad arrestare la perdita di biodiversità. In questo modo la tutela e la conservazione degli habitat e delle specie consentirebbe la funzionalità dei servizi ecosistemici con conseguenti benefici socio-economici per la collettività.

Lo step ultimo di questo percorso – ed obiettivo finale del progetto – è la valutazione di efficacia. La misura dei costi e dei benefici derivanti dalle azioni di conservazione consente infatti di valutare quanto le politiche pubbliche risultino efficaci per il benessere dell’uomo”.

Scarica il comunicato stampa - 15/06/15 (PDF)


PER APPROFONDIRE
WEB: www.lifemgn-serviziecosistemici.eu
SOCIAL:  www.facebook.com/ProgettoLifeMakingGoodNatura - twitter.com/LifeMGN
MAIL:  lifemgncomunicazione@cursa.it


 

 

Biodiversità Clima ed energia Sviluppo sostenibile Pianificazione Agricoltura Gestione integrata