”Ambiente, clima e promozione della salute dei bambini”, a Castelporziano l’ultima tappa del progetto nazionale per la salute e il benessere dei bambini

Il 21 giugno Conferenza nazionale e tavola rotonda per presentare i risultati del progetto pilota  ”Ambiente, clima e promozione della salute dei bambini”, che ha promosso strategie e azioni per restituire ai bambini il contatto con la Natura.

È sempre più urgente proteggere la salute dei bambini dai fattori di rischio presenti nelle aree urbane e rinsaldare, con specifiche azioni, il rapporto diretto dei bambini con la Natura, perché questa rappresenta l’elemento chiave di promozione della salute in età pediatrica e anche di prevenzione di diverse patologie.

Si è sviluppato, intorno a questo cardine, il progetto pilota “Ambiente, clima e promozione della salute dei bambini” promosso e sostenuto dal Ministero della Salute, nell’ambito delle attività del Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità e realizzato dal CURSA insieme al Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio.

I risultati, i numeri, le esperienze vissute durante il progetto, che è iniziato nella primavera del 2018, saranno presentati e condivisi il 21 giugno presso la Tenuta Presidenziale di Castelporziano, nel corso di una Conferenza e di una tavola rotonda, organizzate dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con tutti i partner.

Non è casuale la scelta di Castelporziano, uno degli ultimi lembi, ancora di elevata qualità ambientale, di quelle vaste foreste e dei boschi che un tempo, nell’antichità, si estendevano lungo tutta la costa laziale: protagonisti del progetto sono stati infatti anche i Parchi, attraverso workshop, seminari, laboratori per operatori e famiglie.

Uno degli obiettivi fondamentali del progetto è stato, innanzitutto, quello di informare le famiglie, il mondo della scuola e tutti coloro che lavorano con i bambini nei Parchi e nelle Aree Protette italiane sui benefici per la salute garantiti da maggiori occasioni di contatto con la Natura, fornendo loro suggerimenti sugli strumenti e metodologie didattiche da adottare per contrastare il “deficit di Natura”.

Assistiamo ad una tendenza che vede i nostri bambini sempre più obesi, dipendenti dagli schermi di smartphone, computer, TV e a rischio iperattività e deficit di attenzione. Invece, quando sono immersi negli spazi verdi, i bambini sono in grado di pensare in modo creativo e di sviluppare autonomia e spirito cooperativo.

Giocare all’aperto facilita lo sviluppo delle capacità intellettuali, emozionali, sociali e fisiche dei bambini. Da numerose ricerche scientifiche emerge che “Natura è Benessere”, cioè ecosistemi sani sono strettamente connessi al nostro stato di salute e che il “benessere”, così come inteso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità,  cresce sensibilmente con la frequentazione non occasionale degli spazi verdi e con attività svolte outdoor.

Il progetto ha inoltre sviluppato strumenti di informazione e formazione pediatri e altri operatori sanitari, anche attraverso una piattaforma di e-learning dell’ISS, che ha coinvolto circa 6.000 iscritti, tra medici e infermieri: la relazione esistente tra fattori di rischio ambientali, spazi verdi urbani e salute dei bambini rappresenta una delle sfide della medicina preventiva e della moderna pianificazione urbana.

Alla tavola rotonda del 21 giugno parteciperanno, tra gli altri: Giulia Bonella, Capo del Servizio Tenuta Presidenziale di Castelporziano, Silvio Brusaferro, Commissario ISS, Claudio D’Amario, Direttore prevenzione Ministero della Salute, Eugenia Dogliotti, Istituto Superiore di Sanità, Terry Hartig, Università di UPSALA, Laura Mancini, Istituto Superiore di Sanità, Paola Michelozzi, Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale – Regione Lazio, Alfonso Mazzaccara, Maurilio Cipparone, Consorzio Universitario per la Ricerca Socio-economica e per l’Ambiente.

È possibile iscriversi alla tavola rotonda compilando la domanda di partecipazione su www.iss.it entro il giorno 14 Giugno 2019

Ufficio Stampa CURSA – Consorzio Universitario per la Ricerca Socioeconomica e per l’Ambiente

Carmela Cioffi 3381090669